Esistono delle strategie?


La Dislessia non è una malattia e lo stesso vale anche per tutti i DSA.
Invitiamo a diffidare da chi afferma il contrario e da chi propone soluzioni, cure e rimedi di dubbia validità scientifica.

Per affrontare Il tema della dislessia è bene conoscere quali possono realmente essere le Strategie e gli strumenti utili.

Strategie

L'obiettivo che si intende raggiungere non è quello di portare i parametri di lettura di una persona dislessica ai livelli di un normo-lettore, ma quello di acquisire strategie che gli permettano di studiare e apprendere indipendentemente da questi parametri.
In molti casi le persone dislessiche sviluppano autonomamente delle strategie compensative per affrontare le richieste scolastiche si parla in questi casi di "Autocompensazione".

Un passo importante per una persona Dislessica è quello di imparare a conoscere se stessa e i propri canali di apprendimento privilegiati in modo da poterli sfruttare e valorizzare nello studio.

Ogni persona è diversa da un altra; le strategie utilizzate sono molteplici e variegate, non è quindi possibile stilarne una lista precisa e dettagliata.

Strumenti Compensativi

Gli strumenti compensativi sono citati nella legge 170/2010 e hanno lo scopo ultimo di garantire l'autonomia dello studente.
Il metodo più semplice per comprendere gli strumenti compensativi è quello del parallelismo con strumenti utilizzati per altre casistiche.
Il parallelismo più citato è quello degli occhiali.

"Uno studente Dislessico che usa gli strumenti compensativi è come un miope che utilizza gli occhiali."

Questo serve per spiegare la natura dello strumento compensativo:

  • Non è una Facilitazione: in quanto non rende meno oneroso lo studio della materia.
  • Non è un Vantaggio: in quanto non pone chi lo utilizza in una posizione privilegiata rispetto a gli altri.

Come avviene per gli occhiali, non è detto che con il tempo non sia necessario cambiarli.
Come le lenti possono non essere corrette, è quindi necessario verificare se esse siano ancora le più adeguate o se sia necessario cambiarle.

Molti strumenti compensativi possono essere fruibili mediante l'uso del PC, ma il loro utilizzo deve comunque essere integrato con il percorso di studio, le strategie e una didattica adeguata.
Non è sufficente fornire un pc allo studente per poter dire di aver fornito uno strumento compensativo.
Gli strumenti compensativi, sia quelli ad alta che quelli a bassa tecnologia, sono utili sia per compensare le difficoltà degli studenti  che per valorizzare le loro abilità e il loro potenziale.

Quando vengono utilizzati in modo efficace, personalizzato e strategico, diventano fondamentali per accompagnare i ragazzi in un percorso di autonomia.

Link di approfondimento:

Condividi
Questo sito web utilizza dei cookies tecnici e cookies di terze parti, al fine di raccogliere informazioni statistiche sugli utenti. Per saperne di più e per la gestione di tali cookies, clicca qui. Se prosegui la navigazione mediante accesso ad altra area del sito o selezione di un elemento dello stesso (ad esempio, di un'immagine o di un link) manifesti il tuo consenso all'uso dei cookies e delle altre tecnologie di profilazione impiegate dal sito. Per nascondere questo messaggio clicca qui.