News ed eventi

Un servizio utile a tutte le persone con DSA

Libro Parlato Lions

Libro Parlato Lions offre la possibilità di ascoltare libri letti dai suoi generosi donatore di voce a chi ha difficoltà nella lettura.

Per raccontare questa bella avventura associativa abbiamo parlato col segretario dell’Associazione, Riccardo Sigismondi.

Ci può raccontare la storia di Libro Parlato Lions?

Nel 1925 una signora non vedente, socia dei Lions, decide di fare qualcosa per permettere a tutti di accedere al patrimonio culturale ed esperienziale della letteratura. L’idea è in piena linea col motto dei Lions, "we serve" ed in Italia porta alla nascita del L.P.L. nel 1975.
All’inizio ci si concentra sul braille. In seguito è stata presa la direzione del libro parlato vero e proprio, con le registrazioni incise su cassetta, poi su CD e oggi su mp3.
Oggi la nostra audiobiblioteca è composta da circa 9000 titoli tutta online e permettiamo a chiunque abbia una certificazione conforme di accedere alla nostra audio biblioteca, tramite username e password.

 
Quante persone utilizzano il vostro servizio a oggi?

Oggi abbiamo circa 12.000 utenti, tra i tre e i quattromila download al mese.
Quasi il 65% è rappresentato da persone con DSA, mentre i non vedenti sono il 15%.
Il 20% è più variegato, va dagli ipovedenti a tutti coloro che, per varie patologie psicofisiche, riescono a leggere in maniera autonoma. Tutti i nostri utenti devono certificare la propria disabilità e si impegnano a non diffondere gli audiolibri.

Ad oggi la nostra audiobiblioteca è composta da circa 9.000 titoli suddivisi per categorie.
Tutto può essere sentito in streaming, tramite tablet  e smartphone.


I libri sono solo in italiano?

Perlopiù sono in italiano, ma abbiamo anche testi in lingue straniere. Sono titoli che abbiamo tramite convenzioni con associazioni come la nostra che operano in altri paesi, ma anche registrazioni in lingua fatti da donatori di voce del nostro paese.

 
Come nasce un Libro Parlato?

Per fare un libro parlato servono molte cose, anzitutto un donatore di voce.

Di solito il volontario arriva alla nostra porta proponendosi come donatore di voce. Quasi sempre ha già in mente un titolo o un autore che vorrebbe leggere.

Per prima cosa cerchiamo di capire se questa persona ha davvero il tempo e la pazienza necessari per contribuire alla nostra audio biblioteca. Un donatore di voce, infatti, è una persona che deve riuscire a ritagliarsi circa due ore necessarie per leggere e registrare il libro, tutto in autonomia e a casa propria, gestendo gli strumenti necessari. E’ indispensabile avere un Pc , sul quale viene installato un programma gratuito (Audacity) e un microfono collegato ad una cuffia

E’ necessario superare un provino. Il file della registrazione viene spedito a una nostra esperta che offre dei consigli sulla voce, la cadenza o la pronuncia. Per realizzare un buon libro parlato bisogna essere ideali “doppiatori di voce”: la lettura deve essere tale, non piatta, e evitando eccessiva teatralizzazione.

Superato il provino, chiediamo al volontario di proporci un titolo che desidera leggere.
Non abbiamo un comitato etico che sceglie titoli: si va dalla religione alla narrativa alla storia etc. Alle volte, soprattutto sui classici, eseguiamo delle riletture, per rendere più attuale e rievocare grandi autori del passato.

Verifichiamo che il libro non sia già in catalogo o in registrazione: se non lo è, procediamo.

Il donatore di voce comincia con la registrazione delle tracce, vere e proprie “puntate” del libro della durata fra i 28 e i 35 minuti. Alla fine tutte le tracce che compongono l’audiolibro vengono inviate ed editate da un nostro tecnico.


Chi sono i donatori di voce?
Sono un centinaio di persone, di tutti i tipi, sparse in ogni angolo d’Italia.
Se è un uomo, di solito è in pensione. Per quanto riguarda le donne il profilo è più ampio: dalla giovane madre di un ragazzo dislessico, all’insegnante in pensione.
Gli studenti, purtroppo, sono rarissimi.


Come iscriversi?
Siamo un service nazionale dei Lions e siamo una onlus indipendente.
Per accedere al servizio, completamente gratuito, basta registrarsi online e inviare tramite fax o mail la certificazione medica attestante la difficoltà o impossibilità a leggere in modo autonomo, assieme  al Modulo per il trattamento dei dati personali e alla liberatoria.

Condividi
Questo sito web utilizza dei cookies tecnici e cookies di terze parti, al fine di raccogliere informazioni statistiche sugli utenti. Per saperne di più e per la gestione di tali cookies, clicca qui. Se prosegui la navigazione mediante accesso ad altra area del sito o selezione di un elemento dello stesso (ad esempio, di un'immagine o di un link) manifesti il tuo consenso all'uso dei cookies e delle altre tecnologie di profilazione impiegate dal sito. Per nascondere questo messaggio clicca qui.